Podologia

Marco Ferretti

Chi è il podologo?

Indirizzo
via Toscoromagnola 225
Cascina (PI)
Telefono
050/703565
Email
ferrettimrc@gmail.com

Il podologo è un professionista della riabilitazione che si occupa delle patologie riguardanti il piede, ma non solo. Infatti trova campo di applicazione anche nella valutazione delle strutture al di sopra di esso, quindi di tutto l'arto inferiore, del bacino, della schiena, assumendo un importante ruolo anche all'interno della posturologia.

 

Dott. Ferretti, ci faccia un esempio di problematiche strettamente relative al piede?

I problemi più comuni, ad esempio, possono essere quelli ungueali e cutanei. Qui il podologo va ad asportare i tessuti ipercheratosici di grande entità che possono causare dolore, oppure risolve il conflitto tra lamina ungueale e calzatura andando a ridurre gli ipertrofismi ungueali o, ancora, va a trattare l'unghia incarnita e le verruche plantari, dietro prescrizione medica.

 E in ambito ortopedico?

Il podologo è importante per riabilitare le varie articolazioni del piede interessate da deformità nell'adulto (sia dovute a traumi che a patologie sistemiche quali l'artrite reumatoide), a partire dalla caviglia fino ad arrivare all'alluce valgo e alle alterazioni delle dita minori. È d'obbligo nominare il suo intervento riabilitativo anche nel settore pediatrico nei bambini con deformità congenite. La sua riabilitazione non comprende soltanto le manipolazioni e la massoterapia ma può includere anche la fabbricazione di piccole ortesi in silicone che possano coadiuvare la risoluzione del problema.

Un capitolo importante è quello inerente al piede diabetico: il podologo in questo caso non soltanto tratta materialmente le ulcere, che sono la manifestazione più evidente di un morbo che sta lentamente portando in ginocchio l'intera popolazione mondiale, ma è fondamentale anche come figura di prevenzione, sia in strutture pubbliche che private. Nel suo esercizio il podologo può usufruire di strumentazioni avanzate che diano più precisione e qualità alla valutazione del paziente, come per esempio il podoscopio e la pedana baropodometrica.

 Infine, Dott. Ferretti, ci parli della terapia ortesico plantare?

Con questo trattamento il podologo risolve le alterazioni dell'assetto del piede e delle strutture già nominate precedentemente e riscontrate nella valutazione funzionale iniziale.

Si delinea quindi una molteplice varietà di sbocchi e ambiti in cui questa figura può eccellere e integrarsi con altre per dare al paziente un più adeguato spettro di cure.